Mariasole Lega

Non ho tante cose da dire su di me: studio presso l’Accademia di Belle Arti di Rimini; mi piace sorridere e parlare con le persone; “provo” a fare della fotografia una professione, perchè di essa amo la possibilità di fissare le immagini su un supporto al quale ricorrere quando la memoria inganna; amo l’arte in tutte le sue forme, l’opera Continua la lettura

 

TRILOGIA D'AUTUNNO: "Ago & Filo in punta di piedi"

  (Questo progetto finale è da intendersi a completamento di ciò che finora è stato pubblicato in quanto gli articoli costituiscono parte integrante del lavoro svolto) Un ringraziamento speciale va alle sarte Anna, Manuela e Marta, per la loro continua disponibilità a raccontare del proprio lavoro e raccontarsi; per il loro sorriso e per la tenacia che ogni giorno mi Continua la lettura

Giorno 12 : Alla fine in scena

A pochi giorni dalla Prima Teatrale, in corrispondenza con il lavoro svolto in Sartoria e tra i camerini, le Sarte si muovono con discrezione dietro le quinte, pronte per aiutare i personaggi nei veloci cambi d’abito o per effettuare qualche modifica definitiva, mentre sul palcoscenico si svolge la Prova Generale. Finalmente tutto sembra essere coordinato alla perfezione in una gloriosa Continua la lettura

Giorno 11 : Alessandro

“Il costumista è chi disegna gli abiti di scena per uno spettacolo o un film, scegliendone lo stile, i tessuti e i colori, previo accordo con il regista e lo scenografo”. Ecco la stringata definizione che L’Enciclopedia Wikipedia dà al lavoro svolto da Alessandro Lai all’interno del Ravenna Festival (e non solo).. La prima volta che ho incontrato Alessandro, stava Continua la lettura

Giorno 10 : Fare e Disfare

Uno dei criteri fondamentali che ho capito in questi giorni in Sartoria, è che non esiste la parola “fine”. Per assurdo, un abito che alla maggior parte delle persone risulta perfetto, può subire decine di modifiche da non intendersi come semplici alterazioni di misure per adattarsi alle diverse corporature degli artisti, quanto piuttosto a veri e propri stravolgimenti: ho visto Continua la lettura

Giorno 9 : Marta

Figlia di un padre che voleva che facesse la ragioniera, con due sorelle dedite l’una alla sartoria e l’altra all’arte, Marta non ha mai avuto molto trasporto verso l’ago e il filo. “Fin da quando avevo quattro anni, mi divertivo a girare sul trattore di mio padre e immaginavo con piacere che avrei fatto la contadina anche da grande”; questo Continua la lettura

Giorno 8: Antepiano del Rigoletto

Già ieri si preannunciava che la mattinata di oggi sarebbe stata impegnativa, poichè prevedeva i ritocchi finali riguardanti trucco, parrucco e costumi, prima dell’antepiano, una sorta di prova generale; in realtà essa si è rivelata ancora più confusionaria, con persone che andavano e venivano come un turbine lungo i corridoi, entravano e uscivano dal camerino in cui la Signora Muti, Continua la lettura

Giorno 7: Lezioni di cucito

Nonostante fosse iniziata con la solita routine, la mattinata si è rivelata poco dopo alquanto insolita. Avevo deciso di portare con me le scarpine da mezzapunta, per approfittare di un tempo morto per cucire i laccetti; stavo appunto mettendomi al lavoro quando Daniel, Conte di Monterone nel Rigoletto, è entrato in sartoria “per dare un’occhiata” e vedendomi ha esordito con Continua la lettura

Giorno 6: Costumi d'Epoca

Nel corso della giornata di oggi, il Teatro Alighieri ha subito una ventata di cambiamento: cantanti, costumi e scene si sono trasformati, del tutto o in parte, al fine di iniziare le prove dell’Opera Rigoletto. Come sempre, le sarte instancabili salgono e scendono le scale per soddisfare ogni richiesta e soprattutto, per aiutare i vari personaggi a vestire i loro Continua la lettura

Giorno 5: La Prova dei Costumi - Parte 2

E’ sorprendente scoprire giorno per giorno come un mestiere che pensavo statico e forse un pò ripetitivo, sia invece caratterizzato da un dinamismo dirompente; essere sarta implica l’occuparsi a 360° di tutto ciò che coinvolge il costume: una volta ultimata la creazione del capo, le sarte devono occuparsi di consegnarli nei vari camerini degli artisti, sopperire ad eventuali mancanze, trovare Continua la lettura

Giorno 4: Manuela

“Da piccola ero la disperazione di mia madre: a quattro anni tagliavo i calzini per poi ricucirli e a dodici disfavo tutti i vestiti che mi capitavano sotto mano per vedere com’erano stati fatti; a tredici invece, ho iniziato a cucire veramente”. Manuela inizia a raccontarsi così, sbrigativa e telegrafica; ma una volta esortata a proseguire, mi racconta della sua Continua la lettura

Giorno 3 : La Prova dei Costumi - Parte Uno

Mentre per i corridoi del teatro rimbombano le voci dei cantanti che praticano i loro esercizi canori quotidiani, le sarte si muovono come piccole api operaie da un camerino all’altro; il loro compito oggi è di accertarsi che tutti gli abiti di scena calzino a pennello. Insieme ad Anna entro nel camerino di Bulent Bezduz, il quale impersona la parte Continua la lettura

Giorno 2 : Anna

Maglietta, jeans e anfibi ai piedi. Ecco come si presenta Anna, sulle prime un pò impacciata ma subito dopo sorridente e disponibile. Da bambina cuciva i vestiti per le bambole come tante sue coetanee, poi un giorno all’età di quindici anni, decise di comprare un Burda, una rivista storica contenente dei cartamodelli: ne scelse uno e sprovvista di qualsiasi nozione Continua la lettura

Giorno 1: La Scelta

E’ il mio primo giorno in teatro per il progetto Verdi Web. Prima di fare qualsiasi cosa, prima di aprire il mio zaino e prendere la macchina fotografica in mano, mi sono obbligata ad una scelta: mi sono chiesta, che cosa voglio fare? cosa mi interessa realmente? Quando acquisto un biglietto per andare a teatro, sono consapevole del fatto che Continua la lettura